La “Legge bavaglio” discriminerà tra Media on line e tradizionali?


Editoria on line – Giornalisti delle Testate multimediali a rischio a causa di una legge che rischia di essere incostituzionale e discriminatoria.
La denuncia è dell’Aigol – Associazione Editori on line. Secondo l’associazione, infatti, grazie agli emendamenti bipartisan approvati ieri dalla Camera al disegno di legge “bavaglio”, i siti d´informazione rischiano di fare una fine simile a quella di Wikipedia, ossia chiudere i battenti.
Secondo Aigol è stato imposto ai soli siti registrati in tribunale (ovvero alle Testate on line, discriminandole quindi rispetto ai quotidiani cartacei, alle Tv ed alle Radio) l’obbligo di rettifica entro 48 ore, pena il pagamento di un’ammenda da 2.500 a 5.000 euro.
Aigol ha rilevato più volte quanto sia difficile e pressochè impossibile riconoscere effettivamente il soggetto che ha spedito la richiesta di rettifica. Gli indirizzi email possono essere duplicati da pirati informatici: peggio ancora se si inviano le email tramite form, attraverso cui si possono inserire indirizzi completamente inventati. In pratica le testate on line sono alla mercè di malintenzionati o, nella migliore delle ipotesi, di buontemponi a cui piace scherzare.
Ma esistono ulteriori conseguenze che dovrebbero preoccupare la categoria ma anche gli stessi Giornalisti (Ordine dei Giornalisti, FNSI etc). La prima, la più evidente, è la discriminazione tra Testate giornalistiche on line e Testate tradizionali (Carta stampata, radio e tv).  Queste ultime, infatti, sembrerebbero “escluse” dall’obbligo quasi che una “diffamazione” su Internet fosse peggiore, più grave, di una commessa su un giornale, in tv o sui canali della Radio.
Inoltre il giornale non avrà alcun diritto di replica a quanto affermato dalla persona nella sua richiesta di rettifica e i direttori responsabili e le redazioni dovrebbero impegnare tempo a leggere le smentite e a scrivere rettifiche. Si arriverebbe quindi alla paralisi dell’attività editoriale e il diniego del diritto di informare correttamente i lettori.
Aigol ribadisce la chiara incostuzionalità di questa disposizione e chiede la sua cancellazione. In caso di approvazione l’associazione sarà pronta a ricorrere ai tribunali, alla Corte Costituzionale e alla Corte Europea dei Diritti dell´Uomo.

Audiweb – Ad Agosto aumentano gli italiani in Rete


Web – L’audience online nel mese di agosto cresce del 9% in un anno, con 26 milioni di Italiani che si sono collegati almeno una volta da pc.
Sono online nel giorno medio 11 milioni di utenti attivi, il 9% in più rispetto all’anno scorso.
Audiweb pubblica i dati di audience online del mese di agosto 2011 distribuendo il nastro di pianificazione, Audiweb Database, che presenta la stima dell’utilizzo effettivo di internet da parte degli Italiani dai 2 anni in su che si collegano attraverso un computer da casa, ufficio o altri luoghi.
Il mese di agosto presenta dati di audience ancora in crescita rispetto al 2010. Sono, infatti, 26 milioni gli Italiani che accedono a internet da PC almeno una volta nel mese (+9,1% in un anno) e 10,7 milioni gli utenti attivi* nel giorno medio (+8,9%) che navigano mediamente per 1 ora e 18 minuti, consultando 155 pagine per persona.
La popolazione online nel giorno medio ad agosto è rappresentata da uomini nel 56,8% dei casi (6 milioni, il 7,6% in più rispetto al 2010), principalmente di età compresa tra i 35 e i 54 anni (2,8 milioni, ovvero il 46,6% degli utenti attivi).
Per quanto riguarda la popolazione femminile online, ad agosto risultano 4,6 milioni di donne online (il 10,8% in più rispetto al 2010), principalmente di età compresa tra i 35 e i 54 anni (2,1 milioni, il 46% delle donne online) e tra i 25 e i 34 anni (1,1 milione, il 24,4% delle donne online).
Per quanto riguarda l’uso del mezzo nelle diverse fasce orarie del giorno medio, si registra un trend pressoché stabile dal mattino, con 4,7 milioni di utenti attivi tra le ore 9:00 e le ore 12:00, fino alla fascia serale tra le ore 21:00 e la mezzanotte, in cui si registrano 4,2 milioni di utenti attivi, con un picco tra le 15:00 e le 18:00 in cui sono online in media 5,3 milioni di utenti attivi.
Nelle fasce orarie notturne si abbassa il livello di audience, ma permane una particolare attività soprattutto tra la mezzanotte e le ore 3:00, con 2 milioni di utenti attivi che trascorrono in media 30 minuti online, consultando 57 pagine per persona.
Per quanto riguarda la provenienza geografica deli utenti attivi nel giorno medio, in questo mese il 32,1% proviene dall’area Sud e Isole (3,4 milioni di utenti attivi), il 29,1% dal Nord-Ovest (3 milioni di utenti attivi), il 17,4% dal Centro (1,9 milioni) e il 16% dall’area Nord-Est (1,7 milioni).
Legenda

Utenti attivi nel giorno medio (Reach Daily) = fruitori per almeno un secondo del mezzo (Brand/Channel) nel giorno medio del periodo selezionato.
Utenti attivi (Reach) = fruitori per almeno un secondo del mezzo nell’intero periodo di durata della rilevazione.
Connessi: individui +2 che hanno accesso potenziale a Internet.
Popolazione: individui + 2 anni (per quanto riguarda gli individui +74 anni, si fa riferimento esclusivamente agli individui che vivono in nuclei familiari dove c´è almeno un componente tra gli 11-74 anni).
Popolazione di riferimento: in alcuni casi viene proposta la proiezione dei dati sulla popolazione di riferimento al fine di dare un´idea della percentuale di concentrazione del fenomeno nel segmento di riferimento. Ad esempio, tabella “Internet audience – Donne / Fasce d´età”, popolazione di riferimento = totale popolazione femminile +2 anni.

Quotidianoligure.it (novembre 1998 – )

Il primo quotidiano on line della Liguria nasce nel  novembre 1998 come supplemento della testata giornalistica “Arcanews” (Agenzia Giornalistica dello Studio Giornalisti Associati ARCA).
Un interessante esperimento di Informazione on line con notizie aggiornate h24 da tutta la Liguria.
Andrea Carotenuto è il Direttore Responsabile